Titolo: Finalmente noi
Autore: Tijan
Pubblicazione: Garzanti, marzo 2017

Trama: Samantha ha diciassette anni e pensa di avere una vita perfetta. Brava a scuola, un fidanzato innamorato, delle amiche fedeli. Ma quando un giorno rientra in casa, sua madre, con gli occhi bassi, le confessa di aver lasciato suo padre per un altro uomo: lei e Samantha si trasferiranno a casa sua. Ma il peggio deve ancora venire, perché Sam sarà obbligata a vivere con le persone che odia di più al mondo: Mason e Logan Kade, i figli del nuovo compagno della madre. Li conosce di fama, ma lei non ci ha mai voluto avere nulla a che fare. Campioni di football, attaccabrighe, ribelli, con una ragazza diversa ogni giorno. I classici cattivi ragazzi da cui stare lontani. I più temuti del liceo. I primi giorni in casa, Sam decide di evitarli. Anche se si sente sempre più sola ora che il suo fidanzato l’ha tradita con la sua migliore amica e il suo mondo crolla pezzo dopo pezzo. Anche se avverte sempre su di sé gli occhi magnetici di Mason. Prova a resistere, ma giorno dopo giorno è più difficile. Perché sotto il suo sguardo si sente come non si è mai sentita, come nessuno l’ha mai fatta sentire. Mason è l’unico che la sa capire, che conosce la strada per il suo cuore. Ma la loro è una storia che sembra impossibile: le loro famiglie si oppongono, e a scuola hanno tutti contro. Finché un segreto terribile non cambierà completamente i loro destini…


Recensione:

Ho scelto questo libro attirata soprattutto dalla cover e da qualche segnalazione che avevo visto sui social al momento dell’uscita. L’ho trovato a dir poco osceno, soprattutto considerando che è rivolto a un pubblico di adolescenti, così come lo sono i protagonisti della storia. Il modo in cui trattano gli adulti, che a loro volta sono delle macchiette, è vergognoso.

È uno di quei romanzi in cui passa il messaggio che amare un uomo violento è meraviglioso, ed è una cosa che mi spaventa sempre molto nei testi pensati per i giovanissimi.

Odio anche il fatto che sembri normale che, per affrontare le difficoltà, la protagonista non mangi e si sfinisca con la corsa. Un altro messaggio terribile.
Ciliegina sulla torta, ma è la cosa meno grave, le scene di sesso sono descritte in modo meccanico e assolutamente non credibile.

Condividi con i tuoi amici