Titolo: Shake my Colors –  La mia luce sei tu
Autore: Silvia Montemurro
Pubblicazione: Sperling & Kupfer, aprile 2017

Trama: Laura ha diciassette anni e ama il pattinaggio più di ogni altra cosa. È solo lì, sul ghiaccio, che si sente davvero se stessa. Perché, fin da quando è nata, non può vedere i colori e il mondo è spesso una trappola in bianco e nero. Paolo, il suo migliore amico, è l’unico a capire cosa tutto ciò significhi per lei ed è la sua àncora di salvezza. Sono cresciuti insieme in un paesino affacciato sul lago di Como, conoscono tutto l’uno dell’altra e custodiscono i reciproci sogni. Ora che una gara importantissima l’attende, Laura sa di poter contare su di lui, e che quando sarà il momento lo vedrà sugli spalti a fare il tifo per lei. E poi, un giorno, Laura incontra Geo. Capelli lunghi, stretti in una coda da cui sfugge qualche ciuffo ribelle, gesti decisi di chi sa quello che vuole e uno sguardo che la fa vacillare. Non riesce a vedere il colore di quegli occhi, ma le basta poco per capire che da quell’incontro la sua vita non sarà più come prima. Qualcosa li spinge l’uno verso l’altra, un’attrazione a cui non ha senso resistere. La passione che nasce è così travolgente da lasciarli senza fiato. Eppure ci sono dei silenzi tra loro, perché entrambi stanno nascondendo qualcosa. Laura non ha ancora trovato il coraggio di parlargli del suo problema alla vista, e Geo… cosa nasconde Geo? Cosa significano quelle ombre sul suo viso? E le sue fughe improvvise? Persino sul ghiaccio Laura non è più la stessa, e rischia di mandare all’aria il lavoro di anni. Un sentimento unico come quello che li lega dovrebbe poter vincere su tutto. Ma quando l’amore è un salto nel buio, avere coraggio a volte non basta.


Recensione:

Ogni tanto, da quella bolgia infernale che è, a mio parere, Wattpad, emerge qualcosa che merita davvero. È il caso del romanzo “La mia luce sei tu”, di Silvia Montemurro, il primo della trilogia Shake my colors, a cui fanno seguito “Persa nel buio” e “Insieme oltre la notte”.

Non sono così ansiosa di sapere come andrà a finire il triangolo composto da Laura, Geo e Paolo, quindi non so se leggerò gli altri due libri, ma devo riconoscere all’autrice il merito dell’originalità. La protagonista è una pattinatrice, affetta da una malattia della vista, chiamata acromatopsia, a causa della quale vede il mondo in bianco e nero. Io non avevo mai letto prima romanzi in cui si parlasse del pattinaggio, sicuramente questo della Montemurro non sarà il solo, ma per lo meno si distacca dall’ormai inflazionato binomio Cenerentola/miliardario. Ho apprezzato anche il modo in cui l’autrice si è approcciata al tema della malattia, trattandolo con delicatezza ma riuscendo comunque a far comprendere a chi legge quanto possano sentirsi diverse ed escluse le persone che ne soffrono.

Consigliato a chi ama le storie d’amore adolescenziali, i triangoli amorosi, ma anche lo sport e il sacrificio.


Potete acquistarlo su:

 

 

Condividi con i tuoi amici