Titolo: Metamorphosis (#1)
Autore: Dyvina Sollena
Pubblicazione: self publishing aprile 2017

Trama: Elisabeth a diciassette anni non era diversa da tanti altri suoi coetanei. Era un tipo alternativo che amava vestirsi di nero e mecharsi i capelli con le tonalità più assurde, ma a parte questo, era una ragazzina comune dall’umore instabile ed emotivo. Elisabeth però si era costruita un mondo fantastico nel quale sembrava vivere da sola. Gli amici le davano continuamente della credulona per la sua inguaribile tendenza a credere nel sovrannaturale, ma lei ne era fermamente convinta e non aveva nessuna intenzione di ricredersi rassegnandosi così all’idea di vivere a fianco a degli scettici privi di fantasia. Questo finché un ragazzo affascinante di nome Drew non entrò nella sua vita come un uragano devastandogliela completamente. Assieme a lui Elisabeth non solo scoprì che tutto quello in cui credeva fosse reale, ma scoprì anche che il destino, per lei, aveva un disegno ben preciso e articolato al quale non poteva assolutamente opporsi. La sua vita fu stravolta dal giorno alla notte costringendola ad intraprendere un’avventura in una realtà oscura e pericolosa dove tutto sembrava perdere ogni senso logico. Tra amori gelosi e attrazioni fatali conditi con inaspettati colpi di scena, saprà Elisabeth adempiere al suo compito uscendone illesa e senza conseguenze?


Recensione

Quando la vita di tutti i giorni si colora dei grigi toni delle noiose abitudini, mettendo a dura prova la nostra capacità di dar sfogo alla fantasia che alimenta e nutre la nostra mente, è terapeutico riuscire a trovare una via di sfogo. Qualcosa che ci permetta di estraniarci dalla nuda e cruda realtà. E spesso, basta anche poggiare lo sguardo su un libro, per spiccare il volo, per tornare a credere nell’impossibile. Affidarsi alla lettura di una storia delicata e ricca di imprevedibili risvolti fantastici, può spesso curare una delle malattie più gravi di questi tempi: l’incapacità di sognare.
Dyvina Sollena, con questo suo romanzo d’esordio ci ha regalato un piccolo momento per immaginare un mondo diverso da quello che ci si presenta quotidianamente.
Elisabeth Smith è una ragazza di diciassette anni, iscritta all’ultimo anno di liceo presso la scuola della piccola città di provincia dello stato del Nebraska. Nella sua testa è forte la convinzione che oltre le apparenze, il mondo sia popolato da creature misteriose, e che dietro il conosciuto esistano presenze non scientificamente dimostrate. La sua fervida immaginazione è stata da sempre contestata da amici e parenti, ma nonostante i mulini a vento contro cui ha sempre dovuto combattere, non si è mai arresa, non ha mai ceduto le sue idee per accontentare gli altri. Persino la sua migliore amica Ashley non crede a nulla di quello che da anni va farneticando Liz, ma questo non toglie che le due ragazze si vogliano tantissimo bene.
Elisabeth non può pensare che l’esistenza si limiti solo a quello che riusciamo a vedere e di cui ci convincono a credere gli altri.
Anche il suo aspetto fisico, con il suo modo di vestirsi, ne evidenzia un carattere anticonformista e originale.
Ma in fin dei conti, rimane una ragazza come tutte le altre della sua età, con i problemi adolescenziali tipici delle sue coetanee, e innamorata da anni di un ragazzo più grande di lei.
Il suo sogno si chiama Jeremy, e sembra finalmente prendere l’iniziativa, seppur spinto dalla gelosia, facendo il tanto agognato passo avanti, e confidando a Liz l’interesse nei suoi confronti. Dopo una lunga attesa, quel fatidico momento sembra regalarle una felicità totale, ma non è così che il destino vuole giocare con Elisabeth.
A intromettersi nelle prime dolci e tenere effusioni dei due piccioncini, troviamo Drew O’Connel, compagno di scuola di Liz, trasferitosi da poco a Broken Bow. Se fino a qualche giorno prima il ragazzo non ha mai socializzato né parlato praticamente con nessuno, addirittura non dando peso alle continue avances che tutte le ragazze di scuola gli hanno fatto sin dal suo arrivo a scuola, ora la sua attenzione sembra rivolgersi in modo particolare a Liz. Ossessivi pedinamenti e imbarazzanti tentativi di approccio, gettano la ragazza nella più totale confusione.
Sì, perché quello strano ragazzo mina pericolosamente il rapporto con Jeremy.
Il cuore di Liz resta legato al suo fidanzato sebbene la sua mente la porti a provare una strana attrazione nei confronti di Drew. Un triangolo davvero strano che rende il lettore indeciso su che posizione prendere, senza sapere da che parte schierarsi. Siamo trascinati dagli eventi esattamente come Elisabeth.
Ma poi la trama si infittisce e subito dopo la prima discussione tra la giovane coppia, la protagonista viene salvata da un grosso lupo grigio, scampando così una terribile aggressione da parte di un altro lupo nero.
In men che non si dica veniamo travolti da una realtà inaspettata, sebbene per Liz non sia così assurda.
Quel grosso lupo grigio altri non è che Drew, corsa a salvarla da Kenny, suo amico e licantropo senza controllo.
Il destino di Liz si definisce meglio nei giorni a seguire, quando piano piano comprende quale sia la sua natura e quale futuro le si prospetta.
Un disegno scritto già sulle pagine di un’antica profezia; lei, la Lupa Bianca, capace di metter pace nel mondo dei licantropi.
Senza neanche il tempo di assimilare le nuove scoperte, Liz si trova impelagata in un compito più grande di lei. Il suo nuovo status la porta a dover rinunciare ai suoi sogni con il chitarrista degli Knights e a tenere per se un segreto così grande. Solo Ash, viene messa al corrente di ciò che le sta succedendo.
La storia si complica quando la trasformazione di Liz sfugge al suo controllo, causando così l’ingresso forzato di un altro elemento, nel gruppo di giovani licantropi di Broken Bow.

La trama scorre veloce e fluida, tra i vari colpi di scena, e la particolare attrazione che lega i due protagonisti.
I misteri, le aspettative crescono di pagina in pagina, rendendo questo romanzo un’accattivante distrazione dalla routine.
Il finale lascia il lettore in attesa di sapere cosa ne sarà di Liz, Drew, Kenny e Jennifer, a cui sono state offerte delle borse di studio per la CorLupo Academy di Seattle.
Una nuova vita si prospetta per Elisabeth, bisogna solo vedere se non arriverà a rimpiangere l’appartenenza a quel genere di creature misteriose, per la cui possibile esistenza si è sempre combattuta contro tutti.
Era meglio rimanere all’oscuro di tutto e continuare a credere nell’esistenza di razze strane e sconosciute, o averne conferma ed esserne completamente assorbita?

Un romanzo d’esordio che mi ha accompagnato in un viaggio fantastico, cullandomi, per qualche ora, tra le braccia della fantasia. Un ottimo punto d’inizio per una promettente carriera di scrittrice.


Potete trovarlo su:

 

 

 


Chi è  Dyvina Sollena:

Dyvina Sollena è lo pseudonimo dell’autrice Sandy Vianello. Nata nel 1986 vive a Venezia assieme al compagno e ai suoi tre gatti pestiferi. A nove anni scoprì la bellezza della scrittura e iniziò a scrivere e inventare storie fantastiche che teneva raccolte in uno sciupato quaderno a quadretti. Nel corso degli anni ha coltivato la passione per la scrittura migliorando e perfezionando il suo stile. La Trilogia Metamorphosis è nata per gioco. Fu un esperimento nel quale cimentarsi traendo ispirazione dai propri interessi e dalle cose che più l’appassionano come la mitologia e il folclore.

Condividi con i tuoi amici