Titolo: Non basta dirmi ti amo
Autore: Daniela Volontè
Pubblicazione: Newton Compton Editori dicembre 2017

Trama: Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha organizzato un weekend in Toscana con le due persone a cui deve la vita. In pochi giorni tutto cambia e Beatrice dovrà prendere decisioni difficili pur di seguire il suo cuore. Sarà pronta a lasciarsi andare?


 

Recensione:

Seppur con immenso ritardo, eccomi qui a recensire questo libro di Daniela Volontè pubblicato dalla casa editrice Newton Compton.
Narrate in queste pagine sono le storie di Beatrice e Callan. Due personaggi molto diversi che il destino ha fatto incontrare per unirli in modo indissolubile.

Le primissime pagine ci colgono di sorpresa con un colpo di scena a sipario chiuso.
Aeroporto JFK di New York, Beatrice Villa si trova a dover rianimare un signore colpito da un infarto.
Una situazione del tutto inaspettata, sia per il lettore che per Beatrice stessa. Ad aiutarla, un perfetto sconosciuto dal volto ricoperto di cicatrici e dall’accento inglese.
Beatrice Villa, abituata a uno stile di vita ben al di fuori di situazioni di emergenza di tale portata, accusa il colpo appena l’uomo riprende conoscenza.
Callan viene in suo aiuto e tra i due si fa subito presente una certa attrazione che entrambi non riescono a motivare. I due protagonisti si fanno compagnia durante la fastidiosa attesa per i loro rispettivi voli, in ritardo a causa della neve. Beatrice è diretta a Milano, dove la sua vita e il suo ragazzo l’aspettano, mentre Callan deve tornare a Londra.
L’alchimia che si instaura in quelle brevi ore è quindi destinata a essere messa a tacere, appena entrambi lasceranno i cieli di New York.

Da questo momento in poi la loro vita viaggerà in parallelo e saremo noi, attenti lettori a passare da Milano a Londra per conoscere meglio Beatrice e Callan.

Beatrice Villa lavora a Milano presso una famosa casa di moda. Fidanzata con Matthias Allard, figlio del proprietario della maison, sembra avere, all’apparenza, una vita splendida. Un fidanzato bello e ricco, una carriera all’interno di un’azienda rinomata…
Se non fosse che dietro l’apparenza si staglia un muro di insofferenze e delusioni.
Quando Matt le chiede di sposarlo, al ritorno da New York, per Beatrice sembra tutto troppo bello. Ma a poco a poco il suo rapporto con il fidanzato inizia a complicarsi. Il carattere lunatico e scontroso del giovane Allard si acuisce, rendendolo ancora più scostante, arrogante e antipatico.
La futura sposa prova a dare una giustificazione, capendo lo stress a cui è sottoposto in occasione della settimana della moda, ma è sempre più complicato rimanere indifferente alle stilettate al vetriolo che lui le lancia. Non è mica stato obbligato a chiederle la mano, o no?
Così a poco a poco si rende conto che il suo idilliaco fidanzamento, così glitterato non è poi tanto.
Quando giunge un invito tanto inaspettato, Beatrice si domanda se sia giusto staccare un po’ e dedicare del tempo a se stessa.

In parallelo alla vita di Beatrice, a Londra, abbiamo modo di conoscere meglio Callan e i segreti che si celano dietro quelle cicatrici. Un carattere chiuso, introverso, un passato oscuro che lo ha abbrutito, creando intorno a lui una spessa corazza oltre la quale non permette a nessuno di arrivare. Un matrimonio fallito alle spalle, un senso di colpa che lo opprime e quei segni sul corpo che non smettono mai di ricordargli quello che avrebbe dovuto, e invece, non è riuscito a fare.
La solitudine lo divora ma è lui stesso ad averla scelta come compagna di vita, unica a cui non può far del male, che non può tradire. L’unica con cui non può fallire.
E allora perché ha accettato l’invito?

Arrivati a questo punto le strade dei due protagonisti si rincontrano in Toscana, in occasione dell’invito di Richard, l’uomo salvato all’aeroporto.
L’inspiegabile attrazione sopita tempo prima, riemerge con irruenza, lasciandoli storditi e confusi. Ognuno dei due ha i propri motivi per cercar di respingere quello che sentono montare dentro, ma sembra che il destino si sia incaponito per intrecciare le loro vite.
Ed è proprio in Toscana che Beatrice scopre il segreto che da troppo tempo ormai minava il suo rapporto con Matthias. Un tradimento, su cui è impossibile passare sopra, svela tutti i dubbi sullo strano comportamento del ragazzo in tutto quel tempo.
Distrutto definitivamente il suo equilibrio, Bea si lascia trascinare da quell’istinto che ha sempre cercato di contrastare e, seguendo ciò che il cuore le comanda, accetta il consiglio di Callan e parte con lui per Londra.
La strana convivenza, a cui soprattutto l’ombroso ex soldato non è più abituato da anni, li porta a sentirsi sempre più vicini. Nuova aria nei polmoni di entrambi. L’uno la cura dell’altra.
Lasciati da parte i problemi che si accumulano nel capoluogo italiano, la nostra cara Beatrice ha modo, con la sua dolcezza, di scalfire lo spesso muro che protegge l’anima ancora ferita di Callan. Il suo tocco riesce a sfiorare le cicatrici, affondando con amore nel più intimo strato di umanità che ancora riscalda il cuore dell’uomo.
Di sicuro i sentimenti che ben presto prendono forma, incatenando romanticamente i due protagonisti, sono del tutto inaspettati ma allo stesso tempo provvidenziali. Capire finalmente cosa vuol dire amare ed essere amati, rispettati, aiutati, spronati, difesi. Sebbene con esperienze diverse, nessuno di loro ha mai potuto godere di un dono così puro.

Gli eventi però scombussolano la loro nuova armonia e per Beatrice arriva presto il momento di risolvere i guai che Matthias ha creato e, tornando a Milano, deve affrontare la sua vecchia vita, rimasta lì ad aspettarla.
Colpi di scena, stilettate e vendette si affastellano in un turbinio di pagine. Siamo in ansia per il futuro di Callan e Bea che, ancora una volta lontani, non riescono a chiarire i loro sentimenti.
Il pathos non manca quando, fino alla fine, non siamo in grado di capire se la loro storia d’amore sia destinata a proseguire o se incomprensioni e distanza saranno più forti di qualsiasi sentimento.
Ho molto apprezzato questo romanzo. La dolcezza, l’eros spruzzato al punto giusto come condimento di una storia d’amore dolce, un paradiso trovato per caso.
Un libro destinato a coloro che credono che da qualche parte ci sia una persona destinata a completarli, un amore vero, senza se e senza ma!


Lo potete trovare qui:

Condividi con i tuoi amici